Pubblicità su Facebook: quando serve creare le inserzioni? DAVVERO

AUTORE

Emanuela Incarbone
Sono una progettista. Creo strategie in analogico per la conquista del mondo digitale :)

Indice

CONDIVIDI :

Ascolta l’articolo!

Pubblicità su Facebook: quando serve creare le inserzioni?

Investire soldi per farsi pubblicità su Facebook sembra essere diventata una necessità per qualunque Business.

La piattaforma ci sta mettendo in condizione di automatizzare molti degli step per creare delle campagne Facebook in modo semplice. L’obiettivo delle inserzioni è raggiungere potenziali clienti e aumentare le vendite, ma questo avviene solo se viene applicata una strategia di web marketing complessiva. Continua a leggere per scoprire i vantaggi di una sponsorizzata Facebook efficace e d’impatto.

Definisci il target delle tue inserzioni su Facebook

Uno dei maggiori punti di forza di Facebook Ads è la possibilità di segmentare in modo ideale il proprio pubblico. Per una pubblicità su Facebook di successo sarà necessario impostare i giusti target.

I principali parametri che si possono inserire per le sponsorizzate Facebook sono molteplici:

  • Sesso.
  • Età.
  • Posizione geografica.
  • Istruzione.
  • Situazione sentimentale.
  • Interessi.
  • Lingue parlate dall’utente.

Purtroppo, queste categorie ci potrebbero aiutare a capire il nostro target solo dopo diverse campagne Facebook, portandoci a spendere un capitale.

Il mio consiglio è di partire con alcune certezze su chi è interessato a ciò che offriamo, ovvero studiando i nostri clienti attuali o potenziali.

Le migliori inserzioni su Facebook sono quelle che riescono coinvolgere gli utenti attraverso le emozioni.

Puoi usare l’intelligenza emotiva attraverso testi persuasivi e immagini, ma senza cadere nei tipici plasticismi o cliché del tuo settore. Infatti, i termini anni ’80 come “offerte imperdibili” o “super sconti” non funzionano più!

Le strategie di web marketing non hanno più l’obiettivo di vendere un prodotto, ma di invogliare all’acquisto soddisfacendo le necessità del cliente.

I vantaggi della pubblicità su Facebook

Una volta pubblicata un’inserzione, ti sarà possibile monitorare la copertura, ovvero il numero delle persone raggiunte.

Questo è un dato importante, ma non sempre un numero elevato di visualizzazioni ti porterà a maggiori clienti o a maggiori vendite. Infatti, la sponsorizzata sarà efficace solo se sei riuscito a targettizzare correttamente la tua audience.

Quindi, c’è sempre il rischio di buttare via soldi e tempo se non si parte dallo studio del caso e dalla pianificazione di una strategia.

Il secondo beneficio è la possibilità di scegliere un budget flessibile, ovvero alzarlo e abbassarlo in base ai risultati che stiamo ottenendo. Infatti, la pubblicità su Facebook è una strategia possibile da modificare in corso di avvenimento.

Sebbene Facebook conti 1,5 milioni di iscritti, sarà necessario definire il nostro obiettivo e attenerci a quello, anche se punta su una platea di persone molto più ristretta.

Definisci l’obiettivo e centralo

Come abbiamo detto, per una campagna Facebook di successo deve essere chiara la direzione che vogliamo prendere per arrivare ai risultati a cui aspiriamo.

Le inserzioni possono riguardare temi diversi a seconda dell’esito che vogliamo ottenere.

Aumentare la popolarità del nostro business

In questo caso possiamo:

  • Mettere in evidenza i post.
  • Raggiungere gli utenti più vicini alla nostra azienda impostando un raggio d’azione.
  • Promuovere la nostra pagina.
  • Trovare nuovi clienti

    Il mio consiglio è:

    • Indirizzare le persone al nostro sito.
    • Incrementare la partecipazione ad un evento aziendale.
    • Ottenere visualizzazioni di un nostro video.
    • Raccogliere contatti.

    Conversione di utenti in clienti

    Per arrivare a questo risultato dovrai:

    • Aumentare il coinvolgimento degli utenti.
    • Invogliare all’acquisto.

    La classifica delle campagne Facebook che puoi realizzare

    Il punto di partenza è sempre la strategia di marketing e la conoscenza del processo d’acquisto dei clienti. Per realizzare le tue inserzioni, per esempio, puoi ricalcare un classico modello del marketing: AIDA (Attenzione, Interesse, Desiderio, Azione).

    In base alle diverse fasi del processo d’acquisto, è possibile dividere gli obiettivi delle sponsorizzate Facebook in tre categorie.

    Notorietà

    Lo scopo finale è quello di aumentare la brand awareness, ovvero il grado di conoscenza del tuo marchio, del pubblico target. Infatti, in questa fase le persone non conoscono ancora l’azienda.

    Considerazione

    Coinvolge la fase successiva del processo di acquisto in quanto gli utenti hanno sentito parlare del tuo brand.

    Queste campagne hanno l’obiettivo di creare coinvolgimento e interazione da parte dei clienti per aumentare la loro considerazione nei confronti del tuo marchio.

    Conversione

    Attraverso queste inserzioni si punta alla vendita di un nostro prodotto/servizio o a generare nuovi contatti.

    Questa è l’ultima fase in quanto il tuo pubblico conosce il tuo brand e ha già interagito con esso.

    Questi 3 obiettivi non lavorano in maniera autonoma, ma spesso è necessario utilizzarli contemporaneamente per raggiungere i risultati prefissati.

    Domanda consapevole o domanda latente

    Prima di fissare un budget nelle inserzioni dei social network è necessario porsi degli interrogativi fondamentali.

    Te ne suggerisco alcune:

    • Come funziona il customer journey dei miei clienti?
    • In quali fasi del processo d’acquisto voglio essere presente con la comunicazione aziendale?
    • In che modo le persone manifestano il desiderio di acquistare un mio prodotto?
    • Quanto lungo è il processo d’acquisto dei miei clienti?
    • Qual è il metodo migliore per definire chi sono i miei potenziali clienti
    • Come posso raggiungerli su Facebook? (Geografia, Interessi, Comportamento)
    • Quanto budget ho a disposizione per raggiungere i miei obiettivi?
    • Come posso misurare l’efficacia della campagna?

    Tieni a mente, però, che esistono due tipi di domande da farsi: quella consapevole e quella latente.

    La prima rappresenta la ricerca attiva di un determinato prodotto o servizio. Non è detto che l’indagine debba per forza essere fatta online, in quanto l’obiettivo finale del cliente è risolvere il suo bisogno.

    La seconda, ovvero quella latente, rappresenta un “probabile” interesse, ma questo diventa reale solo se l’utente viene sottoposto ai giusti stimoli. In questo caso non siamo di fronte ad una necessità dichiarata da parte del pubblico.

    Infatti, possiamo intervenire proprio in questo caso scegliendo il nostro target, ovvero scoprendo chi potrebbe avere bisogno del nostro prodotto, studiando i comportamenti online, gli hobby e gli interessi degli utenti.

    Facebook è un social network che lavora attraverso la domanda latente in quanto non si vende, ma ci si fa comprare.

    Questo, però, è possibile solo se si riesce ad indentificare e intercettare il giusto target nel momento giusto e nel posto giusto.

    Con la mia consulenza di Facebook Advertising posso aiutarti a comprendere quale sia il tuo pubblico e spiegarti come riuscire a stimolare i loro desideri di acquisto.

    Raccontami il tuo progetto

    Potrò consigliarti le migliori tecniche per farti pubblicità su Facebook.
    ORA!

    CONDIVIDI :

    Vuoi accelerare il successo del tuo progetto? Cominciamo a lavorare insieme!

    ×