Crescere su Instagram usando i migliori hashtag

AUTORE

Emanuela Incarbone
Sono una progettista. Creo strategie in analogico per la conquista del mondo digitale :)

Indice

CONDIVIDI :

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su pinterest

Crescere su Instagram usando i migliori hashtag

Ascolta l’articolo completo!

Padroneggiare i migliori hashtag di Instagram

Ti permette di crescere più velocemente e di ottenere una copertura organica (cioè non a pagamento) decisamente migliore.

Quando usi gli hashtag di Instagram è come se parlassi all’algoritmo per dirgli di lavorare per te.

 

In pratica dici alla piattaforma a quale pubblico vuoi mostrare i tuoi post.
Perché l’obiettivo n. 1 di Instagram è mantenere gli occhi delle persone incollati alla piattaforma il più a lungo possibile.

 

 

Affinché ciò accada, deve assicurarsi di fornire agli utenti i contenuti che desiderano vedere. Instagram sa cosa vogliono gli utenti perché monitora tutto ciò che fanno sulla piattaforma. Chi seguono e non seguono, per quanto tempo guardano ciascuna immagine, cosa cercano, ecc.

 

 

Tutti questi dati danno delle informazioni preziose all’algoritmo che di conseguenza, decide quale contenuto deve venir posizionato e in che ordine nel feed di ognuno.

 

 

Gli hashtag sono un modo per classificare i contenuti in modo efficace. Devi pensare agli hashtag come cartelle sul tuo computer.

 

Le cartelle ti consentono di trovare esattamente ciò di cui hai bisogno in modo rapido ed efficiente (a meno che il tuo desktop non sia in disordine e per quello solo tu puoi farci qualcosa!).

 

 

Gli errori più comuni da evitare quando si usano gli hashtag

Attenzione questi errori possono limitare la copertura e il coinvolgimento con i tuoi post.

1. Hashtag troppo competitivi

Lo sapevi che l’hashtag più popolare su Instagram è #love? Ha più di 1,72 miliardi di post.
Immagina di trovarti in una folla di 1,7 miliardi di persone e di dover trovare una persona specifica che si chiama #love. È un serio caso di ago in un pagliaio.

 

 

Quando pubblichi un post con un hashtag insieme a  1,7 miliardi di altri post, è molto probabile che il tuo pubblico di destinazione non lo troverai, il che vanifica completamente lo scopo dell’utilizzo di quell’hashtag.

2. Hashtag irrilevanti

Il tipo di hashtag che utilizzi indica a Instagram il tipo di contenuto che stai pubblicando.
Ecco perché padroneggiare i migliori hashtag per Instagram significa scegliere quelli più pertinenti ai tuoi contenuti.

 

 

Se pubblichi la tua vacanza a Roma e usi l’hashtag #beauty, non otterrai molto successo. E anche se ti classifichi, raggiungerai il pubblico sbagliato.

Usa Hashtag specifici che descrivono efficacemente i tuoi contenuti in modo da poter raggiungere il pubblico che davvero desideri raggiungere.

3. Hashtag ripetitivi

Un fatto poco noto è che Instagram può penalizzarti per aver utilizzato gli stessi hashtag più e più volte. È importante creare variazioni degli hashtag che usi.

Ciò ha l’ulteriore vantaggio di attirare un pubblico più diversificato e possibilmente più ampio.

4. Classifica degli hashtag

Il posizionamento è fondamentale quando si tratta di capire come gli hashtag possono aiutarti a far crescere il tuo account Instagram.

 

Supponiamo che il tuo account abbia 10.000 follower.

Pubblichi un contenuto di qualità e scegli l’hashtag #instagood (che ha 1,1 milioni di post).
Nella stessa ora, una nota influencer, che ha 192.000.000 di follower, pubblica un selfie e aggiunge anche l’hashtag #instagood.

 

 

Il suo post è garantito che apparirà nel gruppo hashtag #instagood perché ha un enorme seguito e, di conseguenza, otterrà un maggiore coinvolgimento.

 

Quelle metriche di coinvolgimento, non la qualità relativa del contenuto, sono il motivo per cui il suo post si posizionerà in alto in quel gruppo di hashtag, mentre il tuo passerà relativamente inosservato.

 

 

Pensa agli hashtag come alla SEO, perché è essenzialmente è quello che sono.
Proprio come includeresti parole chiave con le migliori prestazioni che si allineano con i tuoi contenuti per ottimizzare un post sul blog per le ricerche su Google, puoi ottimizzare i tuoi post su Instagram con gli hashtag giusti.

 

E come con le parole chiave SEO, alcune funzioneranno meglio per te rispetto ad altre. È una buona idea fare le tue ricerche e capire quali sono questi hashtag.

 

 

Esistono diversi tipi di hashtag?

Certo che sì, ecco i 6 tipi principali:

1. Gli Hashtag vietati

Si tratta di hashtag considerati inappropriati da Instagram e i post che li utilizzano saranno penalizzati. Il loro utilizzo potrebbe portare il tuo account allo shadowban, quindi è meglio evitarli.

 

 

Al momento della realizzazione di questo articolo, ci sono circa 114.000 hashtag vietati. Una rapida ricerca su Google ti darà un elenco di hashtag comuni da evitare.

2. Hashtag di Brand

Ti consiglio di creare uno o più hashtag del tuo Brand specifici per il tuo account.
Inserisci questo hashtag con il Brand nella tua biografia, in modo che quando le persone ci cliccano sopra, possano vedere i contenuti relativi al tuo Brand. E usalo in tutti i tuoi post.

 

 

Suggerimento: quando invii prodotti ai clienti, includi una nota o invia un’e-mail chiedendo loro di pubblicare una foto con i prodotti, taggarti e utilizzare l’hashtag del tuo Brand.

Questo, è il modo più semplice per ottenere ottimi contenuti generati dagli utenti (UGC).

3. Hashtag specifici per argomento / nicchia

Questi sono hashtag che prendono in considerazione argomenti specifici solitamente correlati alla tua nicchia di mercato.


Se ti trovi nella nicchia dei blog per le vacanze, puoi utilizzare tag come #winterholiday o #summergetaway.

 

Non sottovalutare mai il potere degli hashtag di nicchia. Se usati bene possono darti un engagement importante.

4. Hashtag specifici per il pubblico

Questi sono hashtag usati per descrivere o indirizzare un pubblico specifico.
Proprio come gli hashtag basati su argomenti o di nicchia, sono super specifici.

 

Se vuoi rivolgerti a persone che lavorano nel graphic design, potresti usare hashtag come #designlife o #graphicdesignagency.

5. Hashtag di posizione

Gli hashtag di posizione possono essere davvero utili quando vuoi raggiungere persone in un luogo specifico.


Di solito sono hashtag molto specifici e possono essere visualizzati da persone che vivono nel luogo o ci stanno viaggiando.

Gli hashtag di posizione sono solitamente qualcosa come #newyorkcitylife.

6. Hashtag specifici del prodotto

Potrebbe essere il nome del tuo prodotto o, se vuoi essere veramente specifico, gli ingredienti o gli elementi di un prodotto.

Come Crescere su Instagram usando gli # Hashtag

Ecco la formula migliore, la tattica è di mescolare tutto quello che ti ho detto fino ad ora, purché tutti gli hashtag siano correlati a ciò che stai postando.


L’uso degli hashtag giusti può aumentare il coinvolgimento con i tuoi post e attirare i follower giusti, potenziali clienti.

 

Se non stai usando gli hashtag correttamente o per niente, nessun nuovo utente vedrà i tuoi post e ti renderai meno accessibile.

Bene ora passiamo alla parte pratica

Fai la tua ricerca:

 

  • Dedica molto tempo alla ricerca degli hashtag per assicurarti di utilizzare i migliori hashtag possibili per i tuoi post e il tuo brand.

  • Inizia a padroneggiare gli hashtag di Instagram osservando quelli che i tuoi concorrenti, pubblico e influencer nel tuo settore stanno attualmente utilizzando.

  • Vai su Instagram nella sezione “Esplora” e digita un hashtag pertinente alla tua nicchia nella barra di ricerca. Instagram ti darà suggerimenti per gli hashtag correlati. E ti dirà quante persone stanno usando ogni hashtag.

Di nuovo, evita hashtag molto popolari perché la concorrenza è troppo agguerrita.

Analytics hashtag

Comprendere gli Analytics degli hashtag è fondamentale. Guarda i tuoi dati su Instagram per vedere come stanno andando i post.

 

Ci sono tre metriche a cui devi prestare attenzione, quando selezioni i tuoi hashtag:

1. La Media di “Mi piace”
La quantità media di Mi piace ricevuti dai post che sono classificati nella sezione “Top Posts” dell’hashtag.

Questo ti aiuta a vedere se il tuo post sarebbe in grado di dominare la tua nicchia.

 

2. Punteggio relativo alla competizione (Competition Score)
Il numero di persone con cui competerai all’interno dell’hashtag.

Questo ti aiuta a vedere con quanti post i tuoi saranno in competizione rispetto a quell’hashtag.

 

3. Copertura potenziale (Potential Reach)
Il numero di persone che probabilmente raggiungerai se ti classifichi all’interno di quell’hashtag.

Ora passiamo alla Strategia.

Come usare gli hashtag su Instagram

Una volta che la tua ricerca è completa e hai creato un hashtag per il tuo marchio, il passo successivo è sviluppare una strategia di hashtag efficace per i tuoi contenuti.

 

È importante creare una libreria di opzioni di hashtag che puoi scegliere durante la pubblicazione.

 

La strategia migliore per ottenere risultati con gli hashtag prevede di utilizzare tre set, che coprono tutti i possibili livelli di copertura. Quindi:

 

  • 10 hashtag su cui è facile classificarsi

  • 10 su cui potresti classificarti

  • 10 hashtag popolari su cui è difficile classificarsi (ma i tuoi post saliranno alle stelle se ci riesci).

Andiamo nel dettaglio:

Set 1 – Basso livello di concorrenza

  • 10 hashtag
  • Facile da classificarsi
  • Media dei “Mi piace” inferiore rispetto a quella dei tuoi contenuti
  • Copertura inferiore a 100 mila

Set 2 – Medio livello di concorrenza

  • 10 hashtag
  • Qualche possibilità di classificarsi
  • Media dei “Mi piace” simile a quella dei tuoi contenuti
  • Copertura inferiore a 1 milione

Set 3 – Alto livello di concorrenza

  • 10 hashtag
  • Difficile classificarsi
  • Media dei “Mi piace” più alta rispetto a quella dei tuoi contenuti
  • Copertura maggiore di un 1 milione
  •  

Ricordati: Quando metti insieme i tuoi gruppi di hashtag, includi sempre anche il tuo hashtag di marca!

 

Per concludere ecco la risposta alla tua prossima domanda:

Dove devo posizionare gli hashtag di Instagram? Didascalie o commenti?

Dopo averlo testato migliaia di volte, sembra che includere gli hashtag nel testo effettivo del post ha un rendimento migliore in termini di copertura, rispetto agli hashtag nel primo commento.

 

Se davvero non ti piace l’aspetto degli hashtag di Instagram nel tuo post, puoi comunque utilizzare il primo commento e ottenere una grande copertura.


Dipende dalle metriche versus ciò con cui sei a tuo agio.

 

Vuoi che i tuoi post appaiano puliti o preferisci ottenere un po’ più di copertura con gli hashtag nella didascalia?

 

Inoltre, se utilizzi strumenti o software che tengono traccia dell’analisi degli hashtag, sappi che questi non possono tenere traccia degli hashtag nei commenti.

 

Quindi, se vuoi ottenere dati su come si comportano i tuoi hashtag, dovrai usarli nel tuo post.

CONDIVIDI :

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su pinterest

Vuoi accelerare il successo del tuo progetto? Cominciamo a lavorare insieme!

×